Translate

domenica 13 aprile 2014

IL CAMPO DEL PALIO

San Ginesio da cinquanta anni è impegnato nelle rievocazioni storiche che non sono solo uno spettacolo da offrire ai turisti, ma una vera e propria ricerca delle nostre radici e delle nostre tradizioni. Ogni attività rievocativa è ben individuata in documenti e reperti storici vari. Non sono il frutto di fantasie, ma di ricerche faticose all'interno di achivi storici che vedono depositate le memorie di migliaia di anni. Oltre a fatti storici, in queste rievocazioni, vengono riproposte arti e attività del tempo con una attenzione maniacale per i dettagli. I nostri gruppi storici che intervengono nelle rievocazioni sono ben attenti a queste cose come ad esempio i Terraemotus che non utilizzano il ''rullante'' poiché sarebbe anacronistico.
 
Questa attenzione nella cura delle nostre rievocazioni è stata rivolta negli anni, di periodo in periodo, a vari settori lasciando fuori però sempre il settore equestre che è stato affidato, specialmente negli ultimi tempi, a figure esterne le quali ben lontanamente intuivano l'esigenza di prestare quella attenzione a ciò che si faceva, poiché non la vivevano come proprie radici e tradizioni. Ciò non ci ha permesso di sviluppare l'attività equestre e di crescere in quel settore in egual misura come negli altri Paesi che fanno rievocazioni da molto meno tempo di noi. E' cosi che fino al 2013 non avevamo nessuno interno all'Associazione in grado di disegnare l''otto'' della pista, di gestire e realizzare l'intero circuito di gara e di arbitrare le gare stesse.
E' arrivato il momento, secondo noi, di sviluppare in maniera positiva il settore equestre con la speranza di vedere tra qualche anno, magari, qualche cavaliere di San Ginesio.
E' per questi motivi che
dopo quarantatré edizioni del Palio di San Ginesio e oltre cinquanta anni dalla nostra prima rievocazione storica il campo del Palio verrà reso semipermanete. Il capo sarà realizzato a maggio e resterà in funzione fino a fine Agosto per poi riprendere la funzione di campo sportivo.
 
In quei mesi il Campo di gara sarà quindi impiegato per attività equestri, gare specifiche del settore, e la cosa più importante è che sarà a disposizione di tutti i sanginesini che vorranno mettersi alla prova col percorso di gara agli anelli.